IPNOSI CLINICA

L’ipnosi è una potenzialità della nostra mente.


Psicologo Psicoterapeuta Tortona - Dott. Davide Milanese

La potenzialità della rappresentazione mentale, immaginazioni corrette orientate possono ridurre lo stato di dolore, possono rendere reale ciò che è nascosto e ci tormenta da sempre. La nostra immaginazione è ciò che crea la nostra realtà.

IL POTERE REALE DI CAMBIARE IL TUO MONDO NASCE DA TE, NON C'È NULLA DI MAGICO

L’ipnosi è un processo naturale di rilassamento, dove il fisico e la mente conscia sono in uno stato di abbandono, mentre la parte inconscia continua ad essere presente e ricettiva, il controllo che si perderà della parte conscia viene acquisito dalla parte più inconscia e questo porta risorse e scoperte personali non pensabili e nuove, mantenendo sempre la capacità di critica. E’ solo una ridistribuzione diversa delle proprie risorse personali. Si avvale di normali stati di coscienza che noi sperimentiamo più volte durante il giorno senza esserne molto consapevoli, come quando siamo talmente assorti nella lettura da escludere il mondo circostante, o come quando sogniamo ad occhi aperti.

Durante lo stato ipnotico si sperimenta uno stato di piacevole rilassamento fisico e mentale, pur mantenendo uno stato di vigilanza. A livello cerebrale l’ipnosi abbassa temporaneamente lo stato di reattività dell’emisfero sinistro, sede della parte conscia e razionale della mente, e si rivolge all’emisfero destro, sede dell’inconscio e di tutto ciò che è connesso al piacere, alla fantasia e alle emozioni.

Inoltre crea un ponte tra mente e corpo attraverso il sistema limbico, in cui l’ipotalamo converte gli impulsi nervosi della mente in messaggi ormonali tramite l’ipofisi. I messaggi ormonali modificano la reazione dell’organismo agendo anche sulle difese immunitarie.

L'IPNOSI CLINICA MODERNA

Come ogni tecnica bisogna vedere che persona la usa e per quali intenti, ad esempio molte persone la utilizzano per fare dello spettacolo dando quell’alone di mistero e di magia, invece che per aiutare le persone a stare meglio.

L’ipnosi clinica moderna è invece da considerarsi come una forma di comunicazione suggestiva che viene utilizzata per risvegliare nelle persone risorse latenti, possibilità che non contemplavano, non un metodo per addormentarle.

Le induzioni ipnotiche potenziano le capacità ricettive del sé e offrono contenuti utili per la salute. I livelli di profondità dell’ipnosi pur non essendo importanti per quanto riguarda i risultati di una terapia, lo sono maggiormente nel caso si voglia ottenere una riduzione del dolore o un analgesia. In entrambi i casi le possibilità dipendono sia dalla persona che dal rapporto di fiducia tra le persone che partecipano all’esperienza.

L'IPNOSI CLINICA È UTILE:

  • a ridurre il dolore cronico e a integrare la malattia nel propria identità;
  • a rendere analgesica, insensibile, una parte del proprio corpo;
  • per ridurre i sintomi di origine psico-somatica (disturbi gastro-intestinali, manifestazioni dermatologiche, emicranie, balbuzie, tensioni muscolari, tic);
  • nell’intervenire in maniera diversa e portare risorse per stare meglio nei disturbi del comportamento alimentare, ansia, fobie, insonnia, i comportamenti compulsivi e le ossessioni;
  • rinforzare il processo di apprendimento scolastico e ad affrontare gli esami;
  • a migliorare le attività personali, sviluppando concentrazione, capacità di raccogliere le risorse e ridurre lo stato di stress;
  • calmando la frequenza cardiaca e il respiro, c’è una convergenza su di sé e un raccogliersi, il sistema immunitario si rinforza, rendendo il corpo meno vulnerabile alle malattie.

COSA SI REALIZZA CON L'IPNOSI CLINICA

L’ipnosi è un mezzo che agisce a più livelli: corpo e mente sono intercorrelati e inscindibili, al contrario di quello che si può pensare, ogni tipo di relazione è ipnotica.

LA FORZA DELL'IMMAGINE

Fornendo molta forza all’immagine questa diventa energia, quello che si crea ha degli effetti fisici. Quest’immagine assume caratteri plastici, vale a dire determina effetti facilmente riconoscibili e misurabili a livello fisico e mentale e questa energia viene inevitabilmente sottratta ad altre attività. Come quando ci immaginiamo di avere fame e ci viene l’acquolina in bocca. Ad esempio si può far immaginare che i pensieri “negativi” hanno un peso, questi pesi diventeranno reali, fisici, il braccio si stancherà come se avesse veramente dei carichi e poi li si lascerà andare.

L'ARTE DI ANDARE VERSO SE STESSI, PRODUCENDO CAMBIAMENTI DI PROSPETTIVA

I pensieri che fanno stare male possono essere visualizzati al di fuori dal corpo e dalla mente in modo da poterli vedere e comprendere meglio. Distanziarci e creare spazio mentale permette di trovare nuove strategie.

Riprendere il controllo della nostra persona e delle nostre priorità è fondamentale sempre. Noi siamo molto di più dei pensieri che ci abitano. E questi possono essere trasformati.

Entrare in uno stato di rilassamento permette alla nostra persona di accedere a dei contenuti che normalmente in uno stato di completa coscienza più o meno vigile non potrebbero venire fuori.

Sapete perché?

Perché siamo troppo condizionati dalla nostra cultura (occidentale e familiare) che ci impone di mantenere un certo ruolo e non ci permette di essere diversi. Dentro di noi ci sono una quantità di desideri, di paure e con questa tecnica si riesce ad accedere in un altro mondo, un mondo che fa parte di noi tanto e di più di quello che esponiamo ogni giorno al lavoro, con la nostra famiglia o con il partner.