MINDFULNESS PSICOSOMATICA

Mary Catherine Bateson (1989) “Il cuore d’ogni sistema vivente e l’esperienza del Se”.


Psicologo Psicoterapeuta Tortona - Dott. Davide Milanese

Mindfulness significa consapevolezza. Il termine inglese mindfulness, letteralmente “pienezza della coscienza” o “respiro consapevole” è un metodo con radici antiche che affondano nelle tecniche di meditazione tradizionale. La meditazione è la modalità più potente per riconnettere mente, anima e spirito: un viaggio spirituale per realizzare il benessere.

La Mindfulness è una tecnica che ha ricevuto migliaia di validazioni da parte della comunità scientifica internazionale. La Mindfulness Psicosomatica è stata sviluppata dall’Istituto Psicosomatica PNEI del Villaggio Globali di Bagni di Lucca.

La psicoterapia psicosomatica è capace di includere un lavoro diretto sulla sfera corporea ed emotiva oltre che sulla sfera puramente cognitiva della psicoterapia classica. Il Sé integrato di ognuno di noi è di nuovo al centro del modello di essere umano e i suoi sistemi emotivi ne rappresentavano le funzioni primarie.

Gli effetti della Mindfulness psicosomatica coinvolgono diversi piani perché considera diverse neuropersonalità partendo da una base funzionale neuroendocrina con neurotrasmettitori e ormoni che formano un sistema interagente e ricorsivo continuo (Nitamo Montecucco e gruppo di ricerca 2003). Questo impianto scientifico è convalidato dalle scoperte di (Panksepp 1998) sui sistemi emotivi con i loro circuiti neuroanatomici.

È dimostrato che praticare e intervenire terapeuticamente con il sussidio della Mindfulness psicosomatica porti ad effetti positivi sulla globalità del se’ della persona quali:

Effetti sul benessere psicologico e stress

Le ricerche dimostrano gli effetti della Mindfulness impattano positivamente sulla gestione dello stress, nel trattamento dell’ansia e della depressione. Chi pratica Mindfulness gode di una maggiore consapevolezza di sé, di stabilità emotiva, di un aumento degli ormoni del benessere e di una diminuzione del rimugino.

Effetti sulla salute e scioglimento dei disturbi corporei

Un riequilibrio delle funzioni di uno o più sistemi risolvendo la contrapposizione o conflitto tra forze fisiche, istintive, emozionali e psicologiche. Un miglioramento dei cinque principali parametri fisiologici: muscolari, respiratori, circolatori, nervosi che, insieme, influenzano e alterano inoltre la postura globale.

Effetti sulla regolazione emotiva

È dimostrato un aumento delle emozioni positive nei praticanti Mindfulness oltre a una riduzione della reattività emotiva in risposta ad eventi negativi

Prevenzione e protezione della salute

Le ricerche dimostrano una buona efficacia nel prevenire le menomazioni funzionali associate di contesti a stress elevato. Migliora il funzionamento mentale e allevia problemi mentali.
Gli effetti della Mindfulness contrastano i cambiamenti neuroendocrini collegati a stress e depressione con aumento degli ormoni del benessere (serotonina, dopamina ed endorfine) e una diminuzione degli ormoni dello stress (cortisolo, adrenalina). Notiamo infatti un incremento delle molecole carenti e una diminuzione di cortisolo e citochine, che invece incrementano con stress, depressione e infiammazione. È anche dimostrato un miglior funzionamento del sistema immunitario, del sistema cardiovascolare, diminuzione della tensione muscolare e nervosa e nella gestione del dolore cronico.

LA TECNICA DELLA MINDFULNESS PSICOSOMATICA

La Mindfulness è di per se molto naturale, richiede solo un luogo dove sedersi mantenendo la schiena dritta, ascoltando il respiro nel corpo. Spesso la Mindfulness psicosomatica vera e propria si integra con un body scan psicosomatico, ovvero un' “ispezione”, guidata dal respiro, di vari distretti corporei.

La pratica consente di migliorare la sensibilità nella percezione del corpo e della coscienza completa di sé. Con l'esercizio avremo una percezione più fluida, energetica e pulsante acquisendo una presenza nuova. La consapevolezza è un lavoro di scoperta e di rivelazione continua di sé.

Nell’esplorazione del proprio corpo si percepiscono sensazioni piacevoli e vitali, come parti tese, pesanti “scure” e come bloccate che necessitano di essere trasformate.

La pratica terapeutica e il protocollo della Mindfulness Psicosomatica (PMP)

“Tutela della Salute” e alla “Gestione dello stress”

Il Progetto Gaia messo a punto dall'Istituto di Psicosomatica PNEI Villaggio Globale di Bagni di Lucca, seguendo la direttiva del MIUR sugli ambiti trasversali, propone “nuove metodologie e attività” sviluppate sulle linee guida dell’OMS per la prevenzione e la “promozione della salute” attraverso lo sviluppo delle dieci competenze o life skills: Consapevolezza di sé, Gestione dello stress, Gestione delle emozioni, Empatia, Comunicazione efficace, Relazioni efficaci, Creatività, Senso critico, Prendere buone decisioni, Risolvere problemi.

Le modalità educative per lo sviluppo di queste competenze sono state riunite nel “Protocollo Mindfulness Psicosomatica PMP”, che utilizza una successione di pratiche di consapevolezza di Sé, del corpo, delle tensioni psicosomatiche (bodyscan psicosomatico) e delle emozioni per alleggerire le condizioni psicologiche e fisiche “negative” e migliorare la percezione psicofisica, l’intelligenza emotiva, la capacità di espressione, l’empatia, la fiducia psicologica in sé stessi, la collaborazione e le capacità comunicative e relazionali.

IL PROCESSO TERAPEUTICO

La tecnica del body scan

Permette una migliore consapevolezza corporea delle zone di tensione fisica e di disagio emotivo o psicologico, permette quindi di liberare e riequilibrare gradualmente le tensioni interne, rompendo il circolo vizioso del disagio e dell’isolamento.

Si può svolgere un lavoro di esplorazione, scioglimento e disidentificazione dei blocchi psicosomatici che si presentano in 5 dimensioni:

a. Il piano fisico: sensazioni fisiche di tensione, stretta, fastidio a vari distretti fisici.
b. Il piano energetico: percezioni più articolate e specifiche delle caratteristiche energetiche del blocco, come calore, dimensione, colore, forma, intensità…
c. Il piano emotivo: percezione dell’emozione legata allo specifico blocco e scioglimento degli stati di dolore emotivo, riequilibrio e liberazione di nuove emozioni integranti il sé
d. Il piano cognitivo: nuove consapevolezze e reintegrazione della dimensione psicologica dei ricordi e dei condizionamenti subiti.
e. Il piano del sé: ricostituzione identitaria di un senso di integrità, pienezza e serenità personale

Le tecniche di consapevolezza emotiva

Permettono di migliorare e sviluppare l’“intelligenza emotiva”, svelamento dei codici di conoscenza dei propri vissuti emotivi, la comunicazione, l’empatia, la collaborazione e le relazioni.

La condivisione delle emozioni

Efficacia per ripristinare un positivo senso di appartenenza e di integrità prima personale e poi al gruppo e una diminuzione dell’aggressività.

Al termine del body scan

Si entra in uno stato di Mindfulness vero e proprio in cui non si presta più attenzioni a parti del corpo ma si percepisce l’interezza, l’unità energetica e viva del nostro essere.

“L’uomo è un seme con migliaia di fiori che attendono di sprigionare la loro fragranza. La meditazione è il metodo per portarli a fioritura” - Osho


BIBLIOGRAFIA

Montecucco, N.(2010). Psicosomatica Olistica. Mediterranee
Ghiroldi, S. (2018). Il corpo e la riparazione del sé. Mindfulness e approccio corporeo in neuropsicosomatica